Viaggiare in camper: Carolina e la sua passione

7 giugno 2019 in Tutte le categorie, Esperienze, Consigli per viaggiatori, Consigli per proprietari, Su Goboony, Viaggiatori, Proprietari, Consigli per il viaggio, Idee e suggerimenti per il camper & Su Goboony

Oggi voglio raccontarvi di una piacevolissima telefonata e chiacchierata fatta con Carolina, una proprietaria che condivide il suo camper su Goboony. La cosa che mi ha colpita di più è stata la passione che ha verso il turismo itinerante e, soprattutto, verso i viaggiatori che incontra e conosce durante la condivisione del suo camper. Si prende davvero cura di loro, lascia tutto il necessario possibile in camper, come per esempio bottigliette d’acqua, pane e biscotti ed anche alcuni pensierini come ricordo di questa esperienza in camper. Li accoglie con un sorriso, li fa sentire a casa e i viaggiatori lo apprezzano molto.

Carolina non è di certo una persona che si annoia, anzi è molto attiva, ama il contatto con la gente ed ha la passione di guidare i mezzi pesanti. Fa tre lavori e, come potrete già immaginare, uno di questi è proprio l’autotrasportatrice. Inoltre, fa la commerciante ed è anche imprenditrice di un’azienda di assemblaggio e confezioni.

Ha iniziato la sua “storia” con i camper circa 25 anni fa, durante il primo viaggio insieme alla sua famiglia. Proprio in quell’occasione, vedendo la felicità di sua figlia nel viaggiare in camper, ha capito che doveva continuare con queste esperienze. Così, dopo circa 6 anni ha finalmente comprato il suo primo camperino, un 4 posti che ha sistemato e rimesso a posto con le sue mani. La cosa ancora più bella è che ha trasmesso questa passione alle sue figlie, oltre a viaggiare per vivere a pieno la natura e la vacanza on the road, le ha portate in giro in tutta Italia - e non solo - per fargli scoprire e conoscere la storia del nostro paese. Percorrendo il Medioevo, eventi storici come le guerre mondiali, ed anche gli Etruschi in Toscana o la Valle dei Templi in Sicilia.  Mi ha detto:

"È vero che in camper si viaggia, ci si rilassa e di solito si va al mare, ma per me è principalmente il modo migliore per percorrere le nostre radici e farle conoscere alle mie figlie. È unica la sensazione di quando mi metto dietro il volante e parto per la mia prossima avventura, consapevole di avere “casa mia” con me.

L'inizio con Goboony

Continuiamo la nostra chiacchierata e mi faccio raccontare di come è arrivata a Goboony e come è stata la sua esperienza fino ad oggi. Ecco cosa mi dice:

"C'è stato un momento in cui ho avuto delle difficoltà economiche e allo stesso tempo mi sono resa conto di utilizzare il camper veramente poco. Parlando con un mio amico mi ha detto di alcune realtà su internet grazie alle quali potevo condividere il mio camper riuscendo così ad ammortizzare i costi di mantenimento. Incuriosita dalla cosa mi sono informata ed ho fatto un pò di ricerca. Ho trovato Goboony ed ho deciso di creare un annuncio, ma senza andare subito online e senza alcun impegno. Sono stata contattata da Mattia di Goboony, una persona estremamente professionale, che mi ha dato tantissime informazioni e dettagli, rispondendo a tutte le mie domande. Mi sono sentita sicura ed ho subito acquisito fiducia in un servizio del genere. Mi sono detta: ci provo e vediamo come va!

Inizialmente avevo tantissimi dubbi e paure, quella più grande era dare il mio camper a degli sconosciuti, che per me voleva dire dare i miei sacrifici e la mia vita a persone completamente estranee. La cosa che mi rassicura su tutto è la serietà di Goboony nel verificare i viaggiatori e la mia possibilità di poter parlare con loro, in alcuni casi anche conoscerli personalmente prima di accettare le prenotazioni.

Ad oggi mi ritengo molto soddisfatta dell’esperienza. Mi piace molto la professionalità di Goboony ed il sistema utilizzato, per esempio quello dei pagamenti. Ho a disposizione 48 ore per rilasciare o bloccare il deposito nel caso in cui ci siano dei problemi e, comunque, vengo sempre avvisata per ogni procedura di rilascio. Tutto questo mi fa sentire sicura, se mai dovesse succedere qualcosa so che voi ci siete per darmi supporto ed aiutarmi.

Ancora più incuriosita dal suo racconto, ci sono altre cose che le chiedo. La prima è capire come è riuscita ad usare il rimborso ottenuto dalla condivisione; mentre l’altra riguarda i consigli per chi sta pensando di condividere il suo camper.

"Con quello che riesco ad ottenere dai rimborso ci pago il rimessaggio e mantenimento, oltre al fatto di poter far fronte ad altre spese. Per il resto lo uso principalmente per la mia famiglia.

Per quanto riguarda il mio suggerimento, accantonate la paura, create l’annuncio senza impegno e parlate con i ragazzi di Goboony per avere tutte le informazioni necessarie e rispondere a tutte le domande possibili. Il contatto personale è quello che fa davvero la differenza.”

content_Carolina_blog2.001
Grazie Carolina per averci raccontato di te e della tua esperienza, ci fa piacere sapere che sei soddisfatta e siamo sempre aperti a ricevere suggerimenti su cosa migliorare per poter fornire un servizio ancora più soddisfacente. Se anche voi volete condividere la vostra esperienza, non esitate a contattarci! E se volete saperne di più su come funziona dare in condivisione il vostro camper, date un’occhiata su Goboony.

Ricerca