“Paese mio che stai sulla collina”: 3 Borghi d’Italia da scoprire in camper

14 agosto 2019 in Destinazioni, Consigli per viaggiatori, Italia & Area di sosta e campeggi

L’Italia delle capitali luminose e delle metropoli vivaci. “Musei a cielo aperto”, le definiscono i turisti che ne affollano le strade, riempiono i musei, apprezzano le bellezze, l’arte, la storia. E poi quell’altra Italia: dei piccoli centri fuori dai circuiti turistici, che sopravvivono grazie al lavoro puntuale e meticoloso di associazioni nazionali e privati di recupero, valorizzazione  e mantenimento. L’Italia che ospita un patrimonio di monumenti e di memorie che altrimenti andrebbe irrimediabilmente perduto. I “borghi d’Italia” si possono raggiungere facilmente in camper e sono meta ideale per un weekend fuori porta all’insegna della lentezza, del relax e di una full immersion nella storia più antica e bella: la nostra. Pronti a scoprire i 3 che abbiamo scelto per voi? Si parte!

/content_on_the_road_unsplash.jpg

Come nasce un Borgo? Cosa fa di un luogo un Borgo? “Oggi così si chiama un centro abitato di media grandezza e importanza; o, talvolta, una parte della città che si estende fuori della cerchia delle antiche mura. Ma il significato originario del nome pare sia quello di luogo fortificato. La parola è propria dei popoli germanici” suggerisce la definizione ufficiale. Aggiungiamo festival, mostre, fiere, conferenze e concerti che mettano in risalto il patrimonio artistico e architettonico, quello culturale tradizionale, storico, eno-gastronomico, dialettale e abbiamo una rappresentazione perfetta di quello che potete aspettarvi andando a visitare uno di questi tesori nascosti. 

Castellabate, il borgo dove “non si muore” mai

Quando il Re Gioacchino Murat nel mio 1811 arrivò a Castellabate ammirando la vista dalla piazzetta si dice pronunciò queste parole: “Qui non si muore”. Commemora quel momento una targa all’ingresso di questo borgo in provincia di Salerno. Castellabate appare all’improvviso come una visione, circondato da un passeggio agreste e immerso nel verde. Il suo accesso principale è quello dal Belvedere di San Costabile, il “Vaglio”, che altro non è che una terrazza con vista straordinaria a picco sul mare: da qui si vede il Golfo di Salerno. Nei giorni “lucidi”- quando la visuale è chiara - in lontananza persino Capri e Ischia. Non è un caso che questo borgo sia Patrimonio dell’Umanità. Il centro storico di Castellabate è infatti un paesaggio storico e culturale di meraviglia, con i suoi vicoletti medievali, le sue stradine nascoste, le lunghe gradinate. Se avete fiato cimentatevi in una passeggiata fino al Castello per ammirare il tramonto da questo scorcio di autentico Cilento. Qui potete dedicarvi a passeggiate, escursioni, trekking, nuoto e  immersioni.

Campo dei Rocchi

Quest’area di sosta camper è ideale per visitare Castellabate e i suoi dintorni. L’area di sosta dispone di 45 piazzole camper divise in 4 settori. Ogni tipologia di camper è collocabile in uno dei 4 settori che si differenziano l’uno dall’altro con le diverse metrature delle piazzole, perfette per tutti i tipi di camper. Ogni piazzola camper ha la predisposizione per l’allacciamento alla corrente elettrica da 600w a 1200w con colonnine a consumo singolo. In tutti gli angoli della struttura troverete tubi di acqua potabile per il rifornimento diretto nella piazzola stessa, senza la necessità di spostare il Camper. Possibilità di scarico acque reflue con scarico nautico e colonnine per scarico, comode ed accessibili. L’ingresso all’Area Camper è ben recintato e controllato  h24 dalla direzione e dallo staff nonché dalla presenza sul posto, di un impianto di video sorveglianza e presenza di custode notturno. Disponibili servizi comuni, wifi, docce e accessi alle spiagge nei dintorni. Particolarmente comoda la navetta che collega l’area con i punti di maggiore interesse nella zona.

Piazzale dei Rocchi, 84048 Castellabate

GPS: 40.300342,14.948430

Telefono: 0039 331 472 8859

Email: info@campodeirocchi.it

/content_1Borghiditalia_Salerno_unsplash.jpg

Cervo, storie di coralli e pirati

A meno di dieci chilometri da Imperia, in Liguria, Cervo resiste con aria elegante e atmosfere medievali al tempo. La sua storia è lunga e affascinante e racconta di dominazioni, occupazioni di Cavalieri, persino tentativi di incursione da parte dei pirati in cerca di corallo. Ha tutti gli ingredienti per essere un borgo che non può mancare nella vostra lista di luoghi da visitare: c'è un Castello a sua difesa, c’è il mare, ci sono chiese e palazzi storici e un’atmosfera che rimanda a un’epoca ormai estinta. Visitate il museo etnografico e anche qui salite verso la cima e perdetevi nelle vie acciottolate dove si susseguono case colorate e sorprendenti terrazze sul blu.

Camping Lino

Questo camping è ideale per esplorare uno dei borghi d’Italia più suggestivi. Dispone di piazzole ombreggiate da un pergolato di uva. Tutte le piazzole sono incorniciate da siepi verdeggianti. Con camper service sempre disponibile è fornito di 2 blocchi di servizi igienici, moderni e funzionali controllati con assiduità per la pulizia e l'ordine, docce, locale separato per lavare stoviglie e ancora locale lavanderia che comprende: lavatrici, asciugatore e lavapanni. A disposizione degli ospiti si trova anche un lavaggio auto ed una zona con lavaggio self-service per gli amici a quattro zampe. L'acqua calda è sempre erogata ed è completamente gratuita. Wifi disponibile gratuitamente in tutta l’area.

Via N. Sauro, 4, 18010, Cervo

GPS: 43.923477, 8.109305

Telefono: 0039 0183752390

Email:info@campinglino.it

/content_2BorghidItalia_Liguria_unsplash.jpg

Sambuca di Sicilia, dove le strade profumano d’anice

Se cercate questo Borgo sul web vengono fuori centinaia di articoli che propongono acquisti di locali da rendere abitabili ad 1 euro per riqualificare e ripopolare la zona. L’iniziativa è stata pubblicizzata anche dalle testate internazionali e il risultato è stato sorprendente. Questo Borgo ha ripreso ad attrarre turisti e visitatori perché ha una storia da raccontare. La bellezza di Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento, risiede nella sua capacità di mantenersi uguale a se stesso, e dalle meraviglie che ha recentemente rivelato nascondere. La roccaforte sicana di trova vicino Menfi e poco distante dal Parco archeologico di Selinunte. Il gioiello del borgo è senza ombra di dubbio il  quartiere saraceno, rimasto intatto, ma rimarrete ammaliati dalle cave sotterranee, riportate recentemente alla luce.Visitate il museo archeologico di palazzo Panitteri, il teatro ottocentesco, i resti di un antico acquedotto romano. Questo borgo vanta una storia antica, che affonda le radici negli anni della dominazione araba: fu proprio su questa collina che l'emiro saraceno Zabut decise di costruire il suo castello. Della fortezza ormai non c'è più traccia, ma su quelle pietre sono sorti il terrazzo Belvedere e la maestosa Chiesa Madrice. 

Camping la Palma

Le piazzole di questo camper a pochi passi dal mare sono dislocate tra la vegetazione. Parte delle piazzole sono vista mare e altre interne, coperte da una ricca vegetazione di eucalipti, pini marittimi, pini domestici, e mimose. La loro superficie varia in funzione delle esigenze di spazio e tutte offrono la possibilità di usufruire dell'energia elettrica, e punti acqua. Il servizio camper è a disposizione degli utenti, così come il wifi, la lavatrice a gettoni e l’accesso alle aree comuni. La posizione è ideale per visitare uno dei borghi d’Italia più affascinanti. Vi dispiacerà quasi doverlo lasciare.

Via Delle Palme 29, Lido Fiori, Menfi

GPS: 373355, 0125749

Telefono : 00390925 78392

Email: info@campinglapalma.it

/content_3BorghidItalia_Agrigento_unsplash.jpg

Avete scelto il Borgo d’Italia che sarà la vostra prossima destinazione? Selezionate un camper in condivisione su goboony e iniziate a programmare il vostro itinerario!

 

 

Ricerca