Esploriamo un tratto della Costa francese in camper: 9 località insolite

14 maggio 2019 in Destinazioni

Luoghi di ispirazione di poeti, pittori e scrittori. Seducenti a tal punto che quando Ennio Flaiano arriva da queste parti scrive ai suoi colleghi “io resto qui, perché c’è il sole, c’è il mare. E mi basta”. Seguiteci in questo tratto della Costa francese in camper: un itinerario che comprende 9 località non convenzionali che vi faranno riscoprire la calma, apprendere  la leggerezza, innamorare di nuovo, per la prima volta, per sempre.

/content_Costa_francese_mappa.001.jpeg

Menton, Eze e Tourrettes-sur-Loup: alla ricerca delle “perle della Francia”

Se arrivate sulla Costa francese in camper dall’Italia attraversate Ventimiglia e fermatevi un paio d’ore a Menton: questa cittadina, definita dal geografo Eliseo Reclus “perla della Francia”, ha una lunga storia interessante che conoscerete meglio passeggiando per le sue strade eleganti, arrivando al suo bastione, esplorando la città vecchia e affacciandovi dal belvedere da cui si scorge il confine italiano. Questa zona gode di un clima eccezionale, e ospita ogni anno la Festa del Limone dedicata al frutto simbolo della città. Proseguendo verso Nizza fermatevi anche ad Èze. Questo piccolo villaggio medievale arroccato sul mare, con il suo castello e il giardino esotico, è uno dei luoghi più suggestivi della costa. Vi consiglio da queste parti una sosta a ora di pranzo. Non sarà difficile incontrare sulla strada trattorie vista mare con i  pergolati adornati da piante rampicanti, glicini e gelsomini, fatevi guidare dal vostro gusto personale. Appena fuori dalla città uno degli stabilimenti più antichi del famoso brand di profumi Fragonard: prenotate qui una visita gratuita e fatevi guidare nella scelta della fragranza che più corrisponde alla vostra pelle, i prezzi sono molto contenuti. A Tourrettes-sur-Loup potete fermarvi un paio di notti. Questo villaggio ha conservato l’autenticità dei villaggi medievali, meno turistico della limitrofa Grasse, ma non potete perdervelo, soprattutto se amate la natura.  Esplorare il borgo, provare ad indovinare per quale magica coincidenza le aree di campagna che lo circondano si popolano di violette, avventurarsi tra i boschi scegliendo uno dei percorsi che costeggiano il fiume Loup, prendere il sole sui prati, dedicarsi a lezioni di canoa o arrampicata, imparare a realizzare composizioni di fiori : sono solo alcune delle attività a cui potrete dedicarvi a Tourrettes. Siete vicini al mare, la vista privilegiata su tutta la costa francese ve lo ricorda, la brezza leggera che soffia nelle ultime ore del giorno ve lo conferma. Difficilmente dimenticherete di essere passati da qui.

Camping La Camassade

Questo camping aperto tutto l’anno è un’oasi di pace, adatto a tutta la famiglia. Consente di raggiungere facilmente il centro storico ed è ben collegato con il mare. Nelle tariffe inclusi i servizi base, la possibilità di accedere alle aree comuni, ad una piscina e ai principali sentieri che partono dalla zona verso il fiume. Monitorate la loro pagina per scoprire le attività stagionali e le promozioni in corso.

Route de Pie Lombard, 523,  06140, Tourrettes sur Loup

GPS: 43.70486, 7.05043

Telefono: 0033 493 59 31 54

Email: contact@camassade.com

/content_costa_francese_tre.jpgRamatuelle, Porquerolles e Bandol: le viste “confortanti” di Stendhal

In più occasioni ho sentito definire Ramatuelle “memorabile”. E non si riferivano mai alla località in sè, che è comunque straordinaria, ma alle sensazioni che aveva dato loro modo di provare, alla pace, alla leggerezza che avevano sperimentato fermandosi qui più di qualche ora: fatelo anche voi, a Ramatuelle dedicate qualche giorno. Arrampicata tra il mare e la collina, questa borgata medievale è un labirinto di stradine che partono da un cortile e non finiscono mai. Nel frattempo incontrerete ponti, archi, porticine, vicoli, squarci panoramici che si spalancano all’improvviso davanti ai vostri occhi dove vi aspettavate delle mura, una, chiesa, un incrocio. Perdersi è facilissimo, ma non accade mai perché la natura del luogo è sorniona e lenta e le indicazioni sono scritte a mano su pietre che sembrano casualmente disposte dietro un angolo, accanto ad un cortile, in cima ad una scala. Il mare a pochi metri è azzurrissimo, la costa sabbiosa o frastagliata. Basta allontanarsi dalla spiaggia più affollata e frequentata dai locali per trovare la vostra dimensione perfetta. Procedendo verso Marsiglia ho provato ad evitare di inserire le piccole isole, che in effetti in camper non sono mai un’opzione pratica. Non ci sono riuscita con Porquerolles, in cui secondo me vale la pena fare una tappa, parcheggiando il vostro camper a Hyères e prendendo dal porto un traghetto che in 20 minuti vi accompagna sull’isola. Passeggiate fino al Forte di Sant’Agata e tuffatevi nelle acque cristalline della Plage Notre Dame: qui il mare, la sabbia e gli alberi ricordano un’isola deserta. Davanti a questa vista proverete quello che lo stesso Stendhal definiva “conforto”. Sulla strada verso Marsiglia Bandol è deliziosa: fate una passeggiata nel porticciolo di questa cittadina piena di testimonianze storico-artistiche, di botteghe artigianali, acqua blu che scintilla nelle sere d’estate. Ideale per un lungo pomeriggio e una cena al tramonto.

Camping La Rouillère

Questo camping è ideale per la sua posizione tra collina e mare. In perfetta armonia con l'ambiente circostante offre anche i servizi base, la possibilità di accedere alle zone comuni e al punto ristoro. È aperto tutto l’anno, ma consiglio di verificare tramite Email la loro disponibilità prima della partenza, e di monitorare la pagina dedicata alle attività organizzate.

Chemin des Piboules, 229, 83350, Ramatuelle

GPS: 43149.95, 6365027

Telefono: 0033494792867

Email: pierre.campana0945@gmail.com

/content_Goboony-roadtrip-Frankrijk-Normandie030__1_.jpgSaint-Rémy, Aigues Mortes e Sète: un tuffo dove l’acqua è più blu tra profezie e tradizioni

Saint- Rémy è una città provenzale che non si affaccia sul mare, ma una visita da queste parti vi aiuterà a comprendere meglio anche questo tratto di costa francese. Qui è nato Nostradamus e qui ha vissuto nell’ultimo anno della sua vita Van Gogh, talmente ispirato dalla bellezza del luogo da dedicargli circa 150 opere, tra le quali La notte stellata. Saint-Remì è un borgo fuori dal tempo e poco lontano dal centro abitato non potete perdervi l’escursione alle rovine dell’Antica Glanum, dedicategli proprio un paio di giorni. Abbiamo già inserito Aigues Mortes tra le tappe suggerite nel tour della Provenza in camper, e idealmente potreste iniziare la scoperta di questa regione proprio da qui, prima di rientrare in Italia. Qualora aveste invece il desiderio di procedere sulla costa francese completate questo itinerario a Sète, che ospita il secondo porto più importante del Paese. Sète, come tutte le città di porto ha tantissime identità, tutte da scoprire lentamente. È frizzante, internazionale e commerciale, ed è celebre per essere ospitale. Attraversata da canali, illuminata dal sole e protetta dalla montagna, vi conquisterà con i suoi profumi, la sua atmosfera intima e seducente, le sue delizie gastronomiche e gli eventi culturali e tradizionali che durante l’anno la vestono a festa. Siete vicini alla Spagna, l’aria qui è tiepida e mediterranea, i colori vibranti. Vi innamorerete prima che cali il primo sole.

La lagune camping

Questo camping è particolarmente apprezzato dagli utenti perchè molto vicino alle spiagge, che si raggiungono a piedi. È aperto soltanto nella stagione estiva, include i servizi classici e la possibilità di usufruire delle aree comuni, di partecipare ad attività dedicate e comprende una zona ristoro. Verificate sempre la disponibilita prima di arrivare, specialmente in Agosto.

Avenue des Vacances, 10, 34110, Frontignan

GPS: 43.42993, 3.75964

Telefono: 0033499040430

Email: contact@camping-la-lagune.com

/content_costa_francese_due.jpg

Motivati da questo programma? Pianificate la vostra prossima avventura e cercate il camper più vicino a voi su goboony!