Tra storia e cultura: alla scoperta del Peloponneso in Camper

20 maggio 2021 in Destinazioni, Itinerari & Consigli per viaggiatori

Il Peloponneso è una penisola che costituisce la parte più meridionale della Grecia continentale. Tuttavia, dalla costruzione del canale di Corinto, andrebbe più tecnicamente considerata alla stregua di un'isola. Sebbene siamo abituati a vedere le foto del mare cristallino della Grecia come Mykonos, Santorini, Creta o Zante, anche la Grecia continentale non ha assolutamente nulla da invidiare. Anzi, scoprirete un territorio bellissimo fatto di posti meravigliosi, ancora di più se questo fatto con il camper che come sempre vi dà l’opportunità di esplorare i posti più nascosti e i panorami più belli. Non c’è esattamente un momento preciso per visitare il Peloponneso in camper, in estate potrete sicuramente godervi delle temperature più calde ma potete stare tranquilli che non troverete un affollamento di turisti tipico di altri posti della Grecia. 

Come arrivare nel Peloponneso dall’Italia 

Il modo più comodo e semplice per poter arrivare nel Peloponneso è con il traghetto e imbarcarvi con il camper da Venezia, Ancona o Bari e arrivare a Patrasso e Igoumenitsa. Molti traghetti permettono l’opzione di dormire nel proprio camper mentre si è a bordo del traghetto per poter risparmiare sulla cabina. Ovviamente vi consigliamo sempre di controllare tutto, in quanto non tutti hanno questa ottima opzione.

Ovviamente, se volete invece fare un viaggio tutto completamente on-the-road potete tranquillamente passare dalla penisola balcanica e fermarvi anche a vedere tantissimi altri posti al di fuori della Grecia. Certo, sicuramente un tragitto molto più lungo e faticoso ma in tanti lo fanno ancora!  

Itinerario Peloponneso in camper

  1. Patrasso

Partiamo dunque dalla città di arrivo con il traghetto e cioè Patrasso nonché terza città più grande di tutta la Grecia. Se arrivate qui dopo un lungo viaggio con il traghetto e non avete voglia mettervi subito in marcia, vi consiglio di sostare qui per un giorno e visitarla. Patrasso conta più di 3000 anni di storia e troverete uno scenario spettacolare e monumenti sia del passato che più contemporanei. Muovetevi a piedi nelle sue stradine del centro o nella zona più alta della città chiamata Ano Poli. Degno di nota è sicuramente il ponte Rion Antirion, inaugurato nel 2004 con il bellissimo passaggio della fiamma olimpica durante i giochi di Atene ed è considerato il ponte sospeso più lungo al mondo. Continuando, potete ammirare il Kastro, una stupenda fortezza del passato e una volta arrivati sulla sua cima, potrete ammirare un meraviglioso panorama sulle isole di Zante e Cefalonia. D’altronde, la Grecia regala sempre alcune delle viste panoramiche più belle al mondo.

Proseguendo il giro di Patrasso, potete anche visitare la Chiesa di Agios Andreas, il teatro romano o il Museo Archeologico che vi faranno vivere un tuffo nel passato dell’antica Grecia. 

  1. Killini

Proseguiamo il nostro itinerario del Peloponneso in camper e fermiamoci a Killini a circa 70km a sud-ovest da Patrasso. Qui, potrete trovare delle bellissime spiagge per godervi un po’ di relax, ma allo stesso tempo anche numerosi monumento e attrazioni da visitare nel centro città. Per non parlare, ovviamente, della cucina tipica. Qui potrete trovare tantissime taverne tipiche da poter gustare la gastronomia locale: insalate greche con feta, cetrioli, peperoni; la buonissima fetta fritta o il buonissimo olio di oliva. 

Killini risulta essere, oggi, una grande meta turistica grazie alla presenza della sua  lunga spiaggia e ai suoi bagni termali. In mezzo a due colline,  infatti, potrete trovare le sorgenti termali circondate una stupenda vegetazione e alberi di eucalipto. Come attrazioni a Killini potete visitare la bellissima fortezza Kastro Chlemoutsi risalente al 1220 o il Castello di Clermont considerato uno dei castelli meglio tenuti in Grecia, risalente al periodo delle crociate. 

TIP: La salita per arrivare al parcheggio del castello non è molto adatta ai mezzi più grandi, per tanto vi consigliamo di lasciare il camper in città e proseguire a piedi. 

A Killini potete trovare alcune soste libere proprio vicine alla spiaggia perfette per il pernottamento. La prima offre un ampio spazio dietro alle dune di sabbia, più discreta; la seconda è più piccola ma ha una vista a dir poco stupenda, soprattutto se si rimane per il tramonto e l’alba. Quest’ultima, in particolar modo, ha anche un piccolo bar e taverna nelle vicinanze perfetti per mangiare o usufruire dei servizi igienici.

Sosta 1: N 37.874278, E 21.107535

Sosta 2: N 37.889435, E 21.111672

Se volete optare per un camping, invece, vi consiglio di dare un’occhiata al camping Melissas 

Indirizzo: Kastro Kyllinis, Ilia GR 270 50

GPS: 37.88627011853342, 21.115377835899338

Prezzi: €13,00 in bassa stagione - €16,00 alta stagione 

  1. Olimpia

Una volta lasciata Killini, proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta del Peloponneso in camper e arriviamo nella bellissima città di Olimpia. Il santuario di Olimpia è sicuramente uno dei luoghi più importanti risalente al mondo antico e specialmente importanto quando divenne il centro principale del culto di Zeus. Inoltre, ricordiamo che proprio ad Olimpia si tennero quelle che oggi chiamiamo Olimpiadi. L’attrazione principale di Olimpia sono le sue rovine e la visita di tutto il sito archeologico e i Musei. 

Nella zona archeologica potete trovare diversi luoghi di interesse, ma i più famosi e apprezzati sono in particolar modo: Tempio di Zeus, il Tempio di Hera, lo Stadio dove si svolgevano i giochi olimpici, la palestra Olimpica, lo Studio di Fidia. 

Come vi ho precedentemente detto, potete anche visitare tre diversi musei. Il Museo Archeologico, nonché il più importante di tutta la Grecia che vi farà sicuramente appassionare con la sua bellezza e storia; il Museo di Storia dei Giochi Olimpici Antichi e il Museo dei Giochi Moderni, dove sono esposte anche alcune medaglie. 

Il biglietto di ingresso al sito archeologico ha un prezzo di €12,00 e include anche la visita ai musei. 

Se cercate un campeggio per la sosta, a solo 1km dal sito archeologico potete trovare il Camping Alphios con un prezzo di circa €23,30 in alta stagione.

peloponneso in camper

  1. Kalo Nero

Come tappa successiva vi consiglio di passare dalla spiaggia di Kalo Nero, conosciuta anche come la spiaggia delle tartarughe. Qui potete trovare una bella spiaggia per un tratto attrezzata con ombrelloni ma principalmente libera e selvaggia, adatta per i bambini e con un parcheggio vicino per il camper. Ma la cosa sicuramente più bella sono i centinaia di nidi di tartarughe che troverete sulla spiaggia, se siete fortunati li vedrete aprirsi. Di solito ci sono tanti volontari pronti a catalogare tutti i nidi e ad aiutare nella schiusa. 

Vicino la spiaggia potete trovare bar e taverne per poter mangiare a farvi la doccia. Certo, Kalo Nero non è una città turistica ma se volete assistere alla nascita delle tartarughe e godervi una giornata di relax in una spiaggia selvaggia allora fa al caso vostro!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Karali Gia (@giorgitseli)

  1. Mistra 

Lascianodci alle spalle la bella spiaggia di Kalo Nero, arriviamo a Mistra che si trova a soli 10 minuti dalla città di Sparta. Mistra è famosa per essere una delle più grandi attrazioni turistiche del Peloponneso che è stata ricostruita per intero a partire dal 1950. La città è divisa in due parti una parte alta e una bassa, per questo potete iniziare la sua visita da quella superiore dove potrete iniziare la vostra visita lungo un sentiero che vi porterà alla fortezza di Mistra e dove potrete ammirare lo splendido panorama dall’alto di tutta la città. Continuando, potete anche visitare la chiesa di Agia Sofia con dei bellissimi affreschi, il palazzo dei despoti e il piccolo palazzo. 

Scendendo, invece, trovare la Porta di Monemvasia che rappresenta l’ingresso alla Città Bassa di Mistra da qui poi potrete raggiungere il bellissimo Convento di Pantanassa: una splendida chiesa bizantina risalente al 1300 e ancora tutt’ora abitata dalle monache. Proseguendo sul sentiero, troverete il Monastero di Perivleptos scavato nella roccia e che riserva ancora tutt’ora delle abitazioni antiche private. Come ultima attrazione, c’è anche la Mtripolis che non è altro che una facciata in pietra dove è possibile trovare dei sacri arredi ed un trono in legno. Inutile dirvi che una visita a Mistra è un must se siete amanti della storia e di queste splendide attrazioni antiche che vi faranno vivere un vero e proprio tuffo nel passato. Il prezzo del biglietto per poter visitare la città è di circa €12,00.

  1. Nauplia

Rimettiamoci in viaggio con il camper e percorriamo un lungo tratto di strada per arrivare nella bellissima località balneare di Nauplia. Prima che Atene diventasse la città più importante della Grecia, Nauplia ne era la sua capitale. In questa splendida cittadina potrete trovare dei vicoli bellissimi, case elegantissimi, negozietti, bar e taverne in tipico stile greco. Assolutamente da non perdere. Anche in questa graziosa città, di certo non mancano le cose da vedere. Infatti, potete partire con un tour della Fortezza di Palamidi sicuramente uno dei luoghi principali della città. La fortezza offre un meraviglioso panorama su tutta costa e potete anche visitare il suo interno pagando un biglietto di €8,00. Attenzione però, ci sono ben 800 gradini da percorrere per poterci arrivare, alternativamente potete anche raggiungerlo in camper. Proseguendo il tour di Nauplia, potete visitare il bellissimo Museo Archeologico della città per scoprire tutto sulla splendida storia di Nauplia così come la visita della sua città antica, dove vi perderete nelle splendide stradine greche. Essendo Nauplia una località balneare, dovete assolutamente recarvi alla Spiaggia di Arvanitia una spiaggia caratterizzata da ciottoli e lidi attrezzati e il suo lungomare con un'atmosfera unica e rilassante tipica di queste città di mare. Molto bella è anche la caletta Neraki Beach, poco distante dalla prima spiaggia ma merita davvero una visita, così come la spiaggia Karathona attrezzata con ombrelloni e lettini,  paesaggi scenografici ed ha anche un’area sosta camper con bar e ristoranti. Insomma, perfetta per il nostro tour del Peloponneso in camper!

Inutile dirvi che a Nauplia potete mangiare benissimo: gyros, pita, pesce fresco appena pescato. Troverete tanti posticini carini che vi faranno apprezzare la cultura greca sicuramente di più.

  1. Micene

Come ultima tappa del nostro itinerario del Peloponneso in camper, arriviamo a Micene. Micene fa parte della pianura di Argolide ed è Patrimonio dell’UNESCO, questo perché è famosissima per essere stata l’antica residenza del re Agamennone. Ma andiamo al dunque: cosa è possibile vedere a Micene? Il simbolo della città è sicuramente la Porta dei Leoni nonché l’ingresso alla città, si chiama così proprio perché la porta è decorata da due splendidi leoni che si fronteggiano ai lati. Una volta varcata la porta potrete ammirare il bellissimo complesso murario che un tempo proteggeva la città, conosciuto anche come le Mura Ciclopiche. Proseguendo il sentiero, potete raggiungere il Palazzo reale di Agamennone e vedere i resti delle sue stanze private. Anche qui a Micene, potete far visita al suo Museo Archeologico interessante per capire l’importanza che questa città ha avuto nel mondo. Per poter accedere a Micene, dovete comprare un biglietto d’ingresso che vi permetterà di accedere anche al Museo Archeologico.

Per la sosta camper, potete fermarmi al Argos Camping Mycenae poco distante dal centro di Micene.

GPS: N 37° 43' 8.991'' E 22° 44' 48.055''

Come sempre spero che questo splendido itinerario del Peloponneso in camper vi abbia ispirati per affrontare il prossimo viaggio on-the-road. Se sei alla ricerca dei camper dei tuoi sogni da noleggiare, dai un'occhiata a tutti i camper disponibili su Goboony.

Ricerca